Dedicato agli scrittori esordienti inediti, il premio è oggi alla sua XXXIII assegnazione. Qual è il romanzo vincitore? Ecco il titolo e l’autore.

Assegnato il Premio Calvino 2020. La giuria, composta da Omar Di Monopoli, Helena Janeczek, Gino Ruozzi, Flavio Soriga e Nadia Terranova, ha stabilito, in diretta facebook, che a vincere la XXXIII edizione del Premio Calvino è Maddalena Fingerle con il romanzo Lingua madre.

Questa la motivazione: «Un romanzo compatto di grande maturità, che riesce nella sfida di tenere insieme leggerezza e profondità, affrontando con piglio holdeniano e stile impeccabile il complesso tema della parola tra pulizia e ipocrisia nel singolare contesto del bilinguismo altoatesino».

Maddalena Fingerle parla con cognizione di causa di lingua e bilinguismi, infatti è nata a Bolzano nel 1993, di cognome tedesco ma di lingua madre italiana, ha studiato germanistica e italianistica a Monaco di Baviera, dove oggi risiede. Alcuni suoi racconti erano già apparsi su Nazione Indiana, Neutopia e CrapulaClub.

Le menzioni assegnate

Oltre al romanzo vincitore sono state assegnate anche quattro ulteriori menzioni speciali, vediamole:

Oceanides di Riccardo Capoferro: una rielaborazione originale del romanzo marinaresco che «si distingue per la bellezza della lingua e la riuscita fusione di mondi immaginari e mondi conosciuti».

Il valore affettivo di Nicoletta Verna: una «conturbante tragedia moderna presentata sotto forma di romanzo famigliare neoborghese».

Schikaneder e il labirinto di Benedetta Galli: un romanzo sagace e ironico, ambientato nel mondo operistico della Vienna di fine Settecento, capace di «gestire registri ora buffi ora drammatici».

Vita breve di un domatore di belve di Daniele Santero: stravagante e colto, racconta della «fascinazione ottocentesca per l’esotismo del circo e dello zoo».

La menzione Treccani è stata invece assegnata a Giardino San Leonardo di Gian Primo Brugnoli, cui si aggiunge la menzione speciale del direttivo a Tullio e l’eolao più stranissimo di tutto il Canton Ticino di Davide Rigiani.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

libri

Premio Sila ’49, la decina del 2020. C’è anche la nostra Elena G. Mirabelli

Arcadia è in festa per Elena Giorgiana Mirabelli La scrittrice, fra i soci fondatori di Arcadia book&service, è nella decina finale del prestigioso Premio Sila ’49 con il suo romanzo Configurazione Tundra, edito da Tunué.Per Leggi tutto…

libri

Prima “in presenza” del romanzo Configurazione Tundra

Configurazione TundraLunedì 20 luglio alle ore 18, nel Chiostro di San Domenico a Cosenza, verrà presentato il romanzo d’esordio di Elena Giorgiana Mirabelli Configurazione Tundra edito da Tunué. Dialogheranno con l’autrice, la scrittrice Sara Maria Leggi tutto…

libri

Premio Strega 2020: il vincitore è Veronesi con «Il colibrì»

Anche la 74esima edizione del Premio Strega è giunta al termine: il vincitore del Premio Strega nell'anno del Covid è Sandro Veronesi.In un anno segnato dalla continua necessità di ripensarsi e riorganizzarsi, anche la 74esima Leggi tutto…