Sono le cinque del mattino della notte di Capodanno, quando Leah Milstons riceve sul suo telefono una chiamata, dove una voce registrata le ordina di scappare e mettersi in salvo...

Le fiamme – che da alcune settimane minacciavano la cittadina di Mogo in Australia – erano divampate improvvisamente, circondando il cottage di legno rosso dove Leah viveva e gestiva la sua piccola libreria. Neanche il tempo di raccogliere i beni più cari, che Leah Milstons si precipitava fuori di casa per salvare sé stessa dalle fiamme. Della casa di Leah, della sua libreria da fiaba, non rimane più nulla. Soltanto macerie e il dolore di chi ha perso tutto nell’arco di pochissime ore.

Una libreria da fiaba ai margini di una foresta

 

Si chiamava “Milstons Past and Present“, un nome che oggi, guardando le macerie della libreria, suona profetico. Il cottage di legno rosso di Leah Milstons sorgeva nel cuore di una radura del bosco di Mogo, vicino allo zoo, e sembrava uscito da un libro di fiabe. Il cinguettio degli uccellini che nidificavano sugli alberi, insieme al profumo dei fiori che ricoprivano la distesa erbosa intorno alla libreria, erano lo sfondo perfetto per isolarsi dalla vita cittadina e rifugiarsi nei libri, almeno per un po’.

Il cottage, costruito trent’anni fa come abitazione per la famiglia Milstons, era stato adibito a libreria soltanto nel dicembre 2005, quando la figlia Leah aveva deciso di realizzare il suo sogno e aprire lì una libreria. Nel giro di pochi anni, la Milstons Past and Present era diventata un punto di riferimento per i lettori di Mogo, che qui venivano in cerca di libri vecchi e usati, e non solo. Infatti, più che una semplice libreria, la Milstons era una vera e propria caccia al tesoro. Fra le pile di libri e gli scaffali pieni di giocattoli, potevi trovare vecchie riviste, cartoline, dischi irreperibili, bandiere da tutto il mondo, ditali, monete e ogni tipo di cianfrusaglia.

Oggi, di tutto questo, non rimane più nulla. Le fiamme hanno divorato prima gli alberi, poi la struttura in legno, infine i libri. Con i libri sono bruciati i sogni di Leah, che 21 giorni dopo l’incendio ci confessa: «La mia vita ora è divisa fra “prima dell’incendio” e “dopo l’incendio”. Dopo 21 giorni, mi chiedo quanto tempo ci vorrà prima di non sentirmi bloccata fra passato e futuro. Dopo 21 giorni, mi chiedo chi sono senza la mia libreria».

Il futuro della libreria Milstons

 

Quando chiediamo a Leah in merito ai suoi progetti per il futuro, ci risponde che affrontare la realtà è difficile e ancora non sa se costruirà una nuova libreria. Nonostante l’affetto e la solidarietà dei suoi concittadini, il destino della libreria Milstons sembra sospeso in una dimensione di incertezza e rassegnazione. Di centinaia di libri non è rimasto più nulla, eccezion fatta per un piccolo pezzo di carta, che Leah ha postato su Facebook. Era un estratto da I love you Muddy Bear di Jane Simmons l’unico superstite ritrovato fra le ceneri.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

letture

Coronavirus: libri e profezie

Sensitivi, scrittori, cartoni, complottisti, il Coronavirus sembra essere stato profetizzato nel corso degli anni in svariati modi e da personaggi diversi tra loro. Scopriamo insieme le profezie più diffuse È il caso del libro Profezie Leggi tutto…

ebook

La giusta distanza – Ebook

La giusta distanza Scarica qui La giusta distanza: il gioco della narrazione La giusta distanza è il titolo del laboratorio della Scuola Holden tenuto lo scorso novembre a Cosenza, nella sede dell’agenzia di servizi editoriali Leggi tutto…

news

L’Unesco mette a disposizione la Biblioteca Digitale Mondiale

Mappe antiche e antiche fotografie, manufatti museali, pergamene e migliaia di altre cose.Un patrimonio immenso di conoscenza quello messo a disposizione gratuitamente dalla World Digital Library, la Biblioteca gestita dall’Unesco.Un mondo tutto da scoprire che Leggi tutto…