Masciago Primo è uno dei paesi più affascinati della Valcuvia. Camminare per le sue stradine è piacevole e ora ci si può imbattere nelle «Casette dei libri».

Ti avvicini e ti accorgi che sono casette davvero speciali, piene di libri: i testi non si comprano, sono gratis, a disposizioni di chiunque voglia leggere un libro. I libri sono lì nelle casette, ordinati, accattivanti e sembra che ognuno attenda il suo lettore. È una bella iniziativa messa in campo dall’Amministrazione comunale masciaghese, che testimonia di credere nel valore della lettura e nella ricchezza straordinaria dei libri. Leggere apre finestre sconosciute sul mondo, aiuta a conservare i nostri sogni, dà linfa ai sentimenti, fa avvicinare al significato dell’esistenza.

La biblioteca esce in strada con la speranza che le casette diventino un punto di riferimento per i lettori del paese e magari uno spazio in cui ritrovarsi se si ha questa grande passione in comune: la lettura.

Accanto alle casette ci sono delle panche ricoperte di comodi cuscini, così da diventare un luogo di ritrovo per gli appassionati e anche meno appassionati della lettura, luogo pulsante nel tessuto del paese, dove la cultura può circolare.

Come funzionano le casette? Ognuno può prendere il libro che più gli interessa e lasciarne un altro per chi arriva dopo di lui: i testi passano dalle mani di chi li ha letti a quelle di chi desidera leggerli. Libri da scambiare, in modo che la libreria sia sempre viva, sempre in movimento. È anche un modo per far sì che tutti possano accedere ai libri, dato che oggi spesso costano parecchio. Oltretutto è così bello condividerli con altre persone!

Chi ama la lettura ha sempre qualche libro che non apre più e può donare, oppure deve svuotare casa o traslocare e non sa più che farsene dei libri vecchi, oppure semplicemente quelle pagine le ha già lette e desidera donarle a qualcun altro, così che abbiano una seconda vita: è molto meglio che tenerli in casa ad accumulare polvere.

Il desiderio è di creare un altro angolo di lettura dedicato ai bambini, dove c’è il parco giochi. È importantissimo avvicinare il prima possibile i bambini alla lettura, creando familiarità con il mondo dei libri e accompagnandoli nella loro scoperta. L’abitudine viene da sé, e il piacere si rinnova un libro dopo l’altro.


Ognuno cerchi di dare il proprio contributo per far sopravvivere questo luogo: l’ideale è quello di portare prima di prendere, ricordandosi che si legge per distrarsi, per informarsi, per imparare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

libri

Premio Sila ’49, la decina del 2020. C’è anche la nostra Elena G. Mirabelli

Arcadia è in festa per Elena Giorgiana Mirabelli La scrittrice, fra i soci fondatori di Arcadia book&service, è nella decina finale del prestigioso Premio Sila ’49 con il suo romanzo Configurazione Tundra, edito da Tunué.Per Leggi tutto…

libri

Prima “in presenza” del romanzo Configurazione Tundra

Configurazione TundraLunedì 20 luglio alle ore 18, nel Chiostro di San Domenico a Cosenza, verrà presentato il romanzo d’esordio di Elena Giorgiana Mirabelli Configurazione Tundra edito da Tunué. Dialogheranno con l’autrice, la scrittrice Sara Maria Leggi tutto…

libri

Premio Strega 2020: il vincitore è Veronesi con «Il colibrì»

Anche la 74esima edizione del Premio Strega è giunta al termine: il vincitore del Premio Strega nell'anno del Covid è Sandro Veronesi.In un anno segnato dalla continua necessità di ripensarsi e riorganizzarsi, anche la 74esima Leggi tutto…