Masciago Primo è uno dei paesi più affascinati della Valcuvia. Camminare per le sue stradine è piacevole e ora ci si può imbattere nelle «Casette dei libri».

Ti avvicini e ti accorgi che sono casette davvero speciali, piene di libri: i testi non si comprano, sono gratis, a disposizioni di chiunque voglia leggere un libro. I libri sono lì nelle casette, ordinati, accattivanti e sembra che ognuno attenda il suo lettore. È una bella iniziativa messa in campo dall’Amministrazione comunale masciaghese, che testimonia di credere nel valore della lettura e nella ricchezza straordinaria dei libri. Leggere apre finestre sconosciute sul mondo, aiuta a conservare i nostri sogni, dà linfa ai sentimenti, fa avvicinare al significato dell’esistenza.

La biblioteca esce in strada con la speranza che le casette diventino un punto di riferimento per i lettori del paese e magari uno spazio in cui ritrovarsi se si ha questa grande passione in comune: la lettura.

Accanto alle casette ci sono delle panche ricoperte di comodi cuscini, così da diventare un luogo di ritrovo per gli appassionati e anche meno appassionati della lettura, luogo pulsante nel tessuto del paese, dove la cultura può circolare.

Come funzionano le casette? Ognuno può prendere il libro che più gli interessa e lasciarne un altro per chi arriva dopo di lui: i testi passano dalle mani di chi li ha letti a quelle di chi desidera leggerli. Libri da scambiare, in modo che la libreria sia sempre viva, sempre in movimento. È anche un modo per far sì che tutti possano accedere ai libri, dato che oggi spesso costano parecchio. Oltretutto è così bello condividerli con altre persone!

Chi ama la lettura ha sempre qualche libro che non apre più e può donare, oppure deve svuotare casa o traslocare e non sa più che farsene dei libri vecchi, oppure semplicemente quelle pagine le ha già lette e desidera donarle a qualcun altro, così che abbiano una seconda vita: è molto meglio che tenerli in casa ad accumulare polvere.

Il desiderio è di creare un altro angolo di lettura dedicato ai bambini, dove c’è il parco giochi. È importantissimo avvicinare il prima possibile i bambini alla lettura, creando familiarità con il mondo dei libri e accompagnandoli nella loro scoperta. L’abitudine viene da sé, e il piacere si rinnova un libro dopo l’altro.


Ognuno cerchi di dare il proprio contributo per far sopravvivere questo luogo: l’ideale è quello di portare prima di prendere, ricordandosi che si legge per distrarsi, per informarsi, per imparare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

news

La farmacia letteraria

C'è una piccola libreria a Firenze che è diventata anche un romanzo edito da Mondadori: "La Piccola Farmacia letteraria" L'ha scritto Elena Molini, 37 anni, un master in editoria e una sfida coraggiosa: aprire una Leggi tutto…

news

Inzuppati dall’acqua salata, ora i libri di Venezia sono opere d’arte

Inzuppati d’acqua salata, erano destinati al macero. E invece sono diventati libri d’arte messi all’asta Questa bella storia è nata grazie a Maria Vittoria Miccoli, la ragazza che ha salvato i libri, studentessa bolognese al Leggi tutto…

libri

Il tramonto delle librerie. Chiude Feltrinelli International

Dopo la Pecora Elettrica e la Libreria del Viaggiatore, anche il tempio della letteratura in lingua originale abbassa le saracinesche per sempre Una vera e propria moria di librerie è quanto si sta verificando nella Leggi tutto…