A Novoli e a Le Piagge prende avvio il progetto di promozione della lettura. Le consegne a domicilio con il Bibliociclo, un murales e libri viventi.

La biblioteca sempre più vicina ai cittadini, questo è lo scopo del progetto «Biblioteca casa di quartiere» realizzato nell’ambito del Piano «Cultura Futuro Urbano» promosso dal Ministero per i Beni culturali per promuovere iniziative culturali nelle periferie.

Presentato dal Servizio Biblioteche del Comune di Firenze, in partenariato con l’Associazione di volontariato il Muretto, l’Associazione Novoli Bene Comune e la Cooperativa Edaservizi, ha ottenuto un finanziamento di 80.000 euro per la realizzazione di attività di promozione della lettura con particolare riferimento alla zona Novoli-Le Piagge e per la valorizzazione del ruolo della biblioteca comunale come presidio culturale. Un investimento pensato per durare nel tempo e che valorizzerà anche il rapporto tra la Biblioteca comunale e le realtà già presenti nel territorio.

A Le Piagge verrà realizzata una Biblioteca diffusa, gestita dalla comunità locale, attraverso la creazione di piccoli presidi di promozione della lettura nei condomìni, nelle attività commerciali e nei luoghi di aggregazione con scaffali di libri gestiti dai residenti, un programma di attività di animazione, cineforum e la creazione di un circolo di lettura.

Per la diffusione della lettura nel quartiere e per il prestito a domicilio di libri, verrà utilizzato il Bibliociclo, una bicicletta realizzata con materiali di riciclo.

A tutto questo si aggiune anche una nuova sosta del Bibliobus, il servizio di biblioteca itinerante delle Biblioteche comunali fiorentine. La sosta, insieme a quella già presente a Brozzi, sarà valorizzata da letture ad alta voce e animazioni rivolte a bambini e adulti.

A Novoli invece, la Biblioteca Filippo Buonarroti potenzierà la sua offerta di sportelli di consulenza digitale per fornire strumenti e competenze che possono aiutare nel risolvere problemi di vita quotidiana (ricerca di informazioni in rete, espletamento di pratiche online..) oltre che fornire elementi di cittadinanza digitale. Nel quartiere la lettura sarà diffusa negli esercizi commerciali e nei condomini con scaffali del libero scambio e prestito libri.

Previsti anche un laboratorio di narrazione autobiografica, la nascita di una Human library formata da libri viventi e un’attività di Biblio street art con la realizzazione di un murale dedicato alla lettura. Spazio anche alla formazione con incontri e appuntamenti per animatori bibliotecari condominiali e di comunità diretti ai cittadini e ai volontari del quartiere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

news

La farmacia letteraria

C'è una piccola libreria a Firenze che è diventata anche un romanzo edito da Mondadori: "La Piccola Farmacia letteraria" L'ha scritto Elena Molini, 37 anni, un master in editoria e una sfida coraggiosa: aprire una Leggi tutto…

news

Inzuppati dall’acqua salata, ora i libri di Venezia sono opere d’arte

Inzuppati d’acqua salata, erano destinati al macero. E invece sono diventati libri d’arte messi all’asta Questa bella storia è nata grazie a Maria Vittoria Miccoli, la ragazza che ha salvato i libri, studentessa bolognese al Leggi tutto…

libri

Il tramonto delle librerie. Chiude Feltrinelli International

Dopo la Pecora Elettrica e la Libreria del Viaggiatore, anche il tempio della letteratura in lingua originale abbassa le saracinesche per sempre Una vera e propria moria di librerie è quanto si sta verificando nella Leggi tutto…