Football Hooliganism. Calcio e Violenza Operaia

Venerdì 29 Marzo, a partire dalle ore 18:30, nella meravigliosa cornice di Piazza Arenella, presso la terrazza del pub “La Tana dei Lupi”, verrà presentato lo studio del sociologo John Clarke sulla storia del tifo e sulla nascita del movimento ultrà in Inghilterra «Football Hooliganism. Calcio e Violenza Operaia», insieme al curatore e traduttore dell’opera in Italia, pubblicata da Derive Approdi nel 2018, il ricercatore Luca Benvenga.

Sarà l’occasione di una passionale e spensierata riflessione collettiva su passato, presente e futuro del tifo.

A introdurre l’invitante e sincera chiacchierata sarà il docente cosentino Domenico Bilotti.

 

 

 

 

 

 

 

John Clarke in questo libro racconta il gioco del calcio e il problema della violenza negli stadi. Attraversando periodi differenti a partire dall’epoca vittoriana, Clarke descrive i princìpi di questo sport e i suoi interpreti sociali, suggerendo la tesi della violenza come pretesto per un crescente numero di gruppi di giovani (soprattutto Skinhead, ammiratori delle passioni della classe operaia bianca) intorno a una particolare concezione della mascolinità.

Essi riaffermano in questa direzione i valori di una classe e il senso di territorialità in una logica tutta operaia di «presa» simbolica di uno spazio (come lo street corner, o la piazza del quartiere). Nel secondo dopoguerra il gioco del calcio rappresenta per i figli della working class britannica il pretesto per l’esplosione di un sentimento di frustrazione e di un generale malcontento nei confronti della società. Il football hooliganism si afferma così in nome di una volontà di esprimere un rifiuto all’imposizione di un modello-calcio che si sposta coattivamente verso la professionalizzazione, l’imborghesimento e la spettacolarizzazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

libri

Bari, cassonetto pieno di libri diventa una biblioteca a cielo aperto

Una foto pubblicata su Facebook viene condivisa e in tanti si sono mossi per salvare alcuni dei volumi presenti: «Abbiamo organizzato una piccola libreria clandestina». Un vero e proprio tesoro gettato nella spazzatura. A Bari Leggi tutto…

letture

Sono arrivate le «librerie motivazionali»

Il mercato dei libri è per oltre l'80% nelle mani dei megastore della lettura; di fatto la piccola libreria di quartiere rappresenta, ormai da tempo, un panda abbarbicato sul bambù della cultura.Di qui la necessità Leggi tutto…

libri

La libreria più alta d’Europa è sul Monte Bianco

La Feltrinelli apre la libreria più alta d'Europa, situata sul Monte Bianco, a quota 3.466 metri, un luogo davvero speciale Nella stazione di Punta Helbronner The Sky, sul Monte Bianco, a quota 3.466 metri, nasce Leggi tutto…