Feminism 2, Fiera dell’editoria delle donne in Italia

Secondo annuale appuntamento per Feminism, unica Fiera dell’editoria delle donne in Italia, che si inaugura l’8 marzo, all’insegna della festa e del confronto sempre con ingresso gratuito.

Dopo il grande successo dell’anno scorso mediatico e di pubblico, arrivano tre intensi giorni di incontri ed eventi alla Casa Internazionale delle Donne di Roma, in piena sintonia con lo sciopero femminista e per ribadire lo stato di agitazione permanente “La Casa Siamo Tutte”.

La seconda edizione, con ospiti di calibro nazionale e internazionale, segue un filo conduttore, “Passa le parole”, che vuole sottolineare quanto i libri trasmettano saperi, per creare confronti di genere e culture.

Madrine d’eccezione la scrittrice pluripremiata Michela Murgia e la storica statunitense Max Dashu attivista femminista e fondatrice nel 1970 dei Suppressed Histories Archives e Vandana Shiva la teorica più nota dell’ecologia sociale, fisica quantistica ed economista militante ambientalista, che taglieranno il nastro alle ore 14.00 di venerdì 8 marzo.

IL PROGRAMMA

Un calendario fitto di eventi costruito in sintonia con le settanta Case Editrici partecipanti.

La Fiera propone tre interessanti e attualissimi “Focus”.

Il primo coordinato da Maria Vittoria Vittori, è dedicato all’editoria dell’infanzia e dell’adolescenza: “Piccole ribelli crescono”, nella convinzione che soprattutto alle bambine di oggi e donne di domani dobbiamo “passare parole” ricche di esperienze e saperi.

Il secondo Focus è un’incursione nell’analisi dei linguaggi dove le parole e i generi si amalgamano felicemente: il fumetto, le serie Tv e la graphic novel. “Laboratori dell’immaginario”.

Il terzo Focus coordinato da Lidia Curti sarà dedicato all’“Afrofuturismo femminista” e indaga nell’immaginario narrativo, artistico o musicale i temi della differenza sessuale e di genere, della migrazione odierna e della devastazione del pianeta.

 

 

 

 

 

 

LA LOCATION

La Casa Internazionale delle Donne, con le sue molte e bellissime sale e gli spazi comuni: cortili e giardini, ristorante, bar e biblioteca, offre al pubblico un ambiente diversificato e confortevole nel cuore di Trastevere in cui incontrare libri, autrici e coraggiose case editrici.

Un luogo straordinario, dove le donne vivono e trasmettono saperi e che ancora oggi è a rischio di chiusura. E noi invece, vogliamo continuare a esserci.

Per saperne di più, clicca qui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

letture

Premio Strega 2019, annunciata la dozzina

Premio Strega 2019, annunciata la dozzina Nel weekend scorso è stata ufficializzata, fra conferme e sorprese, la cosiddetta dozzina dei libri da cui si sceglieranno i cinque finalisti dell’ambito riconoscimento letterario.È stata annunciata durante la Leggi tutto…

libri

Book Pride 2019. Tiriamo le somme

Book Pride 2019. Tiriamo le somme Con un numero di presenze stimabili di circa 35 mila visitatori, si è conclusa domenica 17 marzo 2019 a Fabbrica del Vapore di Milano la quinta edizione di Book Leggi tutto…

libri

Storie di libri sopravvissuti

Storie di libri sopravvissuti.  .  .(fonte: artribune.com)Nella Sala del Tesoro del Castello Sforzesco, a Milano, fino al 14 aprile, in mostra codici e libri a stampa dall’VIII al XVIII secolo dalle collezioni della Biblioteca Trivulziana. Leggi tutto…