Ciao Dylan

Dylan non ce l'ha fatta. Luke Perry, attore celebre per il ruolo di Dylan nella serie tv Beverly Hills 90210, era ricoverato da giorni al St. Joseph's Hospital di Burbank, in California, dopo il malore che lo aveva colpito mentre si trovava nella sua abitazione di Sherman Oaks. «Accanto a lui - riferisce il suo agente in un comunicato - c'erano tutti i familiari e gli amici più cari».
Luther Perry III, questo il suo vero nome, era nato a Mansfield l’11 ottobre del 1966, figlio di un operaio e di una casalinga. Deciso a fare l'attore si era trasferito a Los Angeles e aveva ottenuto i primi ruoli nelle soap opera Destini e Quando si ama, alla fine degli anni Ottanta. Bel tenebroso, ama la poesia, la musica, i film d'epoca, è sensibile al fascino femminile.

Il personaggio piace al pubblico, Perry diventa una star. Recita in quasi tutte le stagioni, dal 1990 al 1995. La pausa gli serve per tentare anche la strada del grande schermo. Lavora pure in Vacanze di Natale 95, di Neri Parenti, in cui interpreta se stesso. Ma nulla è più forte di Beverly Hills 90210. Perry è un idolo dei teenager, la serie viene considerata ancora oggi un cult degli anni Novanta. Le sue love story con Kelly Taylor, la biondina spocchiosa, e la bruna Brenda Walsh vengono vissute come uno scontro epocale che divise il pubblico femminile in tifoserie da stadio.
Nonostante il grande successo, Perry deciderà di non partecipare allo spinoff della serie, realizzato nel 2008, al quale presero invece parte Shannen Doherty, Jennie Garth e Tori Spelling. «Sarò legato a lui per il resto della mia vita - disse, parlando del personaggio - ma va bene così. Dylan McKay l'ho creato io, è mio». Spiegò che «quando diventi un professionista devi tener conto di tutte le offerte e non penso che questa sia una cattiva occasione, ma dal punto di vista creativo è qualcosa che ho fatto in passato, non so quanto mi gioverebbe se lo rifacessi oggi». 

 

 

 

 

 

 

Nel 2000 smette di essere Dylan. Recita nella serie Oz, della Hbo, poi in Jeremiah, in onda dal 2002 al 2004 ma sono tantissime le serie tv alle quali partecipa, il teen drama Riverdale fra le più recenti, così come è lunga la lista dei film ai quali ha preso parte. Ha lavorato tanto come doppiatore, ha partecipato a un'edizione, nel 2001, di The Rocky Horror Show. Tutti ruoli con i quali ha cercato di sfuggire, invano, all'identificazione con il personaggio di Beverly Hills 90210.

Mai titolo sarebbe più appropriato, C'era una volta a Hollywood, per celebrare la storia di un attore imprigionato in un unico personaggio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

letture

Premio Strega 2019, annunciata la dozzina

Premio Strega 2019, annunciata la dozzina Nel weekend scorso è stata ufficializzata, fra conferme e sorprese, la cosiddetta dozzina dei libri da cui si sceglieranno i cinque finalisti dell’ambito riconoscimento letterario.È stata annunciata durante la Leggi tutto…

libri

Book Pride 2019. Tiriamo le somme

Book Pride 2019. Tiriamo le somme Con un numero di presenze stimabili di circa 35 mila visitatori, si è conclusa domenica 17 marzo 2019 a Fabbrica del Vapore di Milano la quinta edizione di Book Leggi tutto…

libri

Storie di libri sopravvissuti

Storie di libri sopravvissuti.  .  .(fonte: artribune.com)Nella Sala del Tesoro del Castello Sforzesco, a Milano, fino al 14 aprile, in mostra codici e libri a stampa dall’VIII al XVIII secolo dalle collezioni della Biblioteca Trivulziana. Leggi tutto…